5 eroine delle serie tv

eroine serie tv

 

Donne da “fiction” sci-fi e post-apocalittica che sono delle vere dure 

 

di Chiara Listo 

 

Qualche volta, guardando puntate di serie tv, vi siete mai ritrovati a cercare di pensare a quale dei vostri personaggi preferiti femminili fosse, a tutti gli effetti, la più “dura”, la più “carro-armato”? Quella che, quando si mette in testa di fare qualcosa, non basterebbe un esercito a fermarla? Quella che, più di tutte, rischierebbe qualsiasi cosa per salvare chi ama o ciò in cui crede?
L’autrice dell’articolo se l’è chiesto. E, per rispondere alla sua domanda, è andata a pescare negli universi delle serie tv più “cazzute” che le sia mai capitato di guardare. Perché, ogni tanto, seppur brevemente, da questo mondo si deve pur evadere.

 

5. Olivia “Liv” Moore (interpretata da Rose McIver)
Liv è la protagonista della serie tv horror-comica “IZombie” (2015-oggi). Abita a Seattle, dove studiava medicina con ottimo profitto. Aveva una vita stupenda, un fidanzato che amava e un bellissimo rapporto con la sua migliore amica Peyton, fino a quando, durante una festa in barca, assiste a un fenomeno di “isteria e violenza collettiva” e viene graffiata. Quando si sveglia più pallidina e con una bizzarra voglia di mangiare cervelli umani, scopre di essere diventata uno zombie. Liv non si perde d’animo: trova lavoro presso l’obitorio della polizia, si fa alleato Ravi, il suo capo, e comincia una proficua collaborazione con il Detective della Omicidi Clive Babineux. Mangiare i cervelli degli “ospiti” dell’obitorio aiuta Liv a “calarsi completamente” nelle loro menti e, tramite alcune visioni, aiuta Clive a risolvere tutti i casi che gli vengono affidati.

Liv è un personaggio forte perché, nonostante la sua vita vada a rotoli, riesce a trovare sempre un motivo più “alto” per rimanere in sella e non cadere mai del tutto. Un’eroina che cerca di continuare la sua vita da “persona normale” nonostante mille problemi. È un personaggio positivo e di una simpatia sfrenata, che riesce a trovare sempre il lato “giusto” per affrontare ogni situazione. Senz’altro una donna…zombie da ammirare.

4. Minerva “La Vedova” (interpretata da Emily Beecham)
La Vedova è uno dei personaggi principali della serie tv post-apocalittica “Into the Badlands” (2015-oggi). In un mondo che ha sofferto a causa delle guerre nucleari, le terre più “civili” si sono unite attorno a uomini e donne potenti chiamate “Baroni”. Minerva era moglie di uno di questi, un uomo spietato che vessava il suo popolo, sfruttandolo fino all’osso. Abile combattente e spadaccina, decide di reagire e uccidere il marito, acquisendo, de facto, il diritto di farsi chiamare Baronessa. Questo però non piace agli altri Baroni, che si sentono minacciati dalla sua politica anti-schiavista, le negano il diritto del nome di Barone chiamandola invece con il dispregiativo “La Vedova” e le si mostrano ostili, costringendola a rispondere con una guerriglia spietata.

La Vedova è un’eroina che si erge contro la schiavitù e lo sfruttamento: degli uomini, delle donne, dei bambini. Ovunque passa, spezza le catene della servitù. È un simbolo di riforma in un mondo che è già morto e che chiede, finora inascoltato, di non essere ucciso ancora una volta.

3. Rose Marion Tyler (interpretata da Billie Piper)
È la compagna di viaggio del Dottore, il viaggiatore del tempo della serie “Doctor Who”, per due stagioni intere (2005-2006).
Rose è una ragazza della porta accanto: abita a Londra, in pieno East End, non è ricca, vive con sua madre Jackie e lavora come commessa. Una ragazza normale per la quale il destino ha in serbo qualcosa di speciale: entrare nel TARDIS, la macchina del tempo e dello spazio capitanata dal Dottore, e viaggiare con lui attraverso tempi ed epoche cercando di salvare l’universo da minacce sempre più grandi e distruttive.
Rose è una donna forte, ed è un personaggio completo perché il suo carattere e il suo “essere donna” si forgia nel corso delle puntate.

Se prima è una ragazza di diciannove anni, insicura e anche un po’ timida, mano a mano riesce a capire sé stessa e ciò che vuole, impara sempre da ogni avventura, consapevole che ci sono un sacco di cose che non conosce. Ha fame di sapere ed è curiosa quanto basta per essere una viaggiatrice del tempo. Non perde però mai di vista quelli che sono i suoi affetti, quelli dai quali torna tutte le volte che può: sua madre, il suo fidanzato.
È un personaggio vero perché soffre, vive, spera e ama. E non si ferma mai.

2. Zoë Alleyne Washburne (interpretata da Gina Torres)
Questa donna favolosa è uno dei personaggi principali dell’equipaggio della nave Serenity, nella serie tv “Firefly” (2002). L’universo è diviso in due fazioni: quella controllata dall’Alleanza, con i pianeti interni, e quella dei pianeti ribelli, i cosiddetti Outer Rim. Zoë e il suo grande amico Mal sono Rimmers, e fanno parte dell’esercito che vorrebbe tanto staccarsi dal controllo oppressivo dell’Alleanza. Ma la guerra è ormai persa, e i Rimmers sono stati ricacciati indietro, e così le speranze di milioni di persone che speravano nella libertà. Zoë continua a vivere, nonostante la guerra sia persa, per i suoi ideali: combattere al fianco di suo marito, il pilota HobanWashburne, e fungere da coscienza a Mal, che è caduto in depressione subito dopo la sconfitta dei Rimmers.

È un personaggio che ben consiglia tutti, ottima combattente e buona amica. Leale, orgogliosa il giusto, pronta a dare una mano. Il suo equipaggio, quello della Serenity, è la sua vera famiglia. Farebbe di tutto per salvarli.

1. Laura Roslin (interpretata da Mary McDonnell)
Uno dei personaggi principali della serie tv “Battlestar Galactica” (2004-2009). Segretaria del Presidente Ader, scopre, tutto nello stesso giorno, di avere un cancro al seno e che tutto il suo mondo è stato appena spazzato via da un attacco dei Cyloni, nemici dell’umanità. Fugge rocambolescamente e quasi per caso sulla Galactica, nave spaziale da guerra, insieme a poche migliaia di sopravvissuti, tutto ciò che rimane dell’umanità.

Viene nominata Presidente perché è l’unica superstite del Consiglio presidenziale delle Colonie. Sebbene gravemente ammalata, si trova a dover fungere da angelo e condottiero di un’umanità in fuga nello spazio, alla ricerca di un altro luogo in cui stare. Al fianco del Comandante William Adama, indica un posto, molto lontano, dove la Galactica dovrà dirigersi: un pianeta chiamato Terra.
Se, con queste premesse, Laura Roslin non è da considerarsi un vero e proprio carro-armato…!

Approfondimenti
– “Battlestar Galactica
“Firefly”
– “Doctor Who
Piccola curiosità: “Doctor Who”, show inglese di fantascienza della BBC, è la serie tv più vecchia tuttora in corso. La prima puntata, infatti, è stata trasmessa nel lontano 1963.
“Into the Badlands”
– “IZombie”

Lascia un commento