“Colette” di Wash Westmoreland

La biografia cinematografica
della scrittrice francese
interpretata da Keira Knightley 

di Redazione 

Presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2018 il 20 gennaio, la pellicola diretta da Wash Westmoreland sarà nelle sale italiane dal 6 dicembre. “Colette” è un film biografico basato sulla vita della scrittrice francese Sidonie-Gabrielle Colette, che avrà il volto di Keira Knightley.

Colette è considerata una delle maggiori figure della prima metà del XX secolo. La scrittrice, ma anche attrice e critica teatrale, è infatti diventata un mito nazionale in Francia, l’autrice più innovativa, spregiudicata e tra le più controverse della Belle Époque parigina e nel 1948 è stata candidata al Premio Nobel per la letteratura.

La trama
Colette (Keira Knightley) è nata e cresciuta in un piccolo centro della campagna francese, che lascia per sposare l’aristocratico Willy (Dominic West), noto e famigerato imprenditore letterario. Arrivata a Parigi alla fine dell’Ottocento, viene immediatamente trascinata nella società libertina della Belle Époque, che la ispira per una serie di racconti autobiografici intitolata “Claudine”.

Il personaggio Claudine diventa una vera e propria icona della cultura pop parigina, oltre che un simbolo di libertà femminile, ma il successo di Colette viene offuscato dal marito, che si prende i meriti pubblicando i romanzi a suo nome.

Mentre cresce insieme alla sua Claudine, diventando sempre più consapevole di se stessa, Colette decide di porre fine al suo matrimonio e inizia una battaglia per rivendicare la proprietà delle sue opere e guadagnare la sospirata emancipazione sociale. E così anni dopo, a causa di debiti di gioco, Willy è costretto a vendere i diritti di Claudine e Colette può porre fine al suo infelice matrimonio e pubblicare i romanzi a suo nome, ottenendo finalmente il successo personale che merita.

Lascia un commento